"Sarajevo" (Parise - Aloisio - Bigazzi)
ti scrivo qui sul vetro polveroso
di un treno non so perchè
amore disperato dal confine
italiano che c'è tra te e me
stanotte dormiremo qui nel
campo jugoslavo ma il nostro
cuore è la' a sarajevo.. a
sarajevo... di la dal mare la
puoi quasi toccare nell'oscurita'
e sarajevo sembra più bella
mentre ti scrivo su una bianca
betulla che è fiorita già.
quel giorno mi sembrava di
sparare per gioco a chi non so'
ma il buco sulla fronte di un
ragazzo nemico è ancora qui
dentro di me e a volte mi
vergogno ancora di essere
vivo ti scrivo e tu sei la a
sarajevo a sarajevo tra le
colline circondate di luna
nell'oscurità a sarajevo a sarajevo
scende il silenzio
sull'amara pazienza della
povertà... a sarajevo i fiori si
arrendono ormai sotto la neve
che copre vigliacchi ed eroi a
sarajevo ci stiamo morendo
anche noi ma il giorno degli
amori lontani voglio essere vivo
e quando dio vorrà ritorneremo
a sarajevo fra le tue dita tutti i
giorni la vita ricomincerà... a
sarajevo (un giorno torneremo
ancora la) a sarajevo
(superstiti di questo medioevo)
a sarajevo (nei viali intorno
all'università) a sarajevo...
ritorneremo.....